Shampalove interview for livincool.com

fashion / interviews / made by livincool / people


When a blog becomes a real fashion brand of international flavor that also gives a nod to our Italy. This is Shampalove, more specifically Flor and Ruby, 2 bloggers who are smart, funny, professional but, above all, certain to be increasingly talked about in the global fashion scene. An interview, a journey into the world of the Shampa between curiosity, ideas and lots of originality.

Versione italiana dopo il salto

Your name has always made me think of something glossy, soap bubbles and pink. What is the true meaning of Shampalove?
You are much closer to truth than you think! Shampalove, the name was born when we opened the blog as a tribute to lightness of hair salons’ convos, champagne, gossip, super girlie things, to glitter sweet lolitas in Harajuku. Think about it as an extension to Paris Hilton’s personality, an invitation to not take oneself too seriously. When we launched the online shop and we decided to not change it, now the name distinguish us. It may seem in contrast with the dark look of our collections, but in reality it’s very much part of us.

Your story was born from a blog, which still exists. How did you come up with the idea of your blog? and what topics do you cover?
The blog was born by chance, in September 2008. One afternoon we decided to gather in one blog all the images, music, news on which we used to feed everyday and share them with others. Always presented with a very ironic and light cut, we are the first ones to have fun. The formula is a mix of gossips, fashion images and moods, as we’ve always liked a bit of craziness and it unexpectedly carried us away.

In a time when everyone can be a fashion blogger, what is the secret to be considered professional?
It is not an easy question. We can speak for our own experience. The blog has never been, nor it is our main job. In addition, the cut that we have always given to it, makes it very much different from a real publication, we have never had such pretense. We don’t do reviews, we don’t publish newsy articles. Surely the originality of our research was a key factor. Originality, personality, our slightly unconventional taste.

Where does the idea of creating your own clothing line come from?
The idea had been in the air for a while, it was something we’ve always wanted to do, but times were not right yet. When we decided to undertake the adventure, we were busy with completely different things. Ruby was working as a stylist and assistant stylist in London, and Flor as a freelance clothing production manager. With the benefit of our working experience in Asia, we gave it a go. We did so and 3 months time we opened the company, started the production, founded and restored our office in Rome and built the website for the shop. In December 2010 we went online for the first time. Months have been hectic but full of satisfaction. The entire project was completed in a shampa way, a creative chaos!

Do you draw your pieces yourself?
The main items are always labeled Shampalove and are fully designed by us. When we opened the shop, we also created for time convenience a very nice ready to wear line, but now, apart from the new designers section, the line is all designed by us. Ideas are then worked with factory milliners, and there the design takes shape. Sometimes it’s not easy to realise what you have in mind, but, when there is chemistry, the result exceeds the expectations.

Which is the addressed target of your collections?
Our target is girls like us, with a taste for international fashion. Simple but original cuts, lightweight materials and leather. Girls who want to wear clothes that are not seen everywhere, who are not afraid to dare. We are often told that our line comes across as very precise, a bit dark, a bit grunge, but with a poetic touch. This undoubtedly stems from the collaboration with our photographer Martina Scorcucchi, who has been taking care of all the pictures in our lookbooks from three seasons now and who has much contributed to the mood of our collections.

Which are the shops that sell your items? And how did you manage to get to some big foreign stores?
The line Shampalove is exclusively sold in Rome at Casa Clementina, a new concept bar / bookshop restaurant in Monti, of course on our website and, since September, we have had a small corner in Topshop Oxford Circus, on the -2 floor where the independent brands’ stands are. The collaboration with Topshop came out of the blue: at the beginning of last summer we received an email from Topshop’s buying team asking us if we were interested in obtaining a license in their spaces, imagine our reaction! It has been a great satisfaction. To see your work appreciated and demanded by a giant high street such as Topshop is something that we would have never expected after just two seasons.

What are Shampalove’s future projects?
We’ve worked hard to create a new Spring Summer 2012 collection that would keep up with the expectations that we’ve created and we hope to not disappoint anyone. The collaboration with Topshop will continue and the new collection will be available in stores from the end of January. We also want to improve the events organization in Rome and increase the number of our DJ sets because it is always a blast! We enjoy them a lot and it seems that people who come visit us at our events always have a lot of fun. For the new season we are also working at a complete graphic redesigning for our online shop and blog!

Being bloggers you’ve chosen the blogosphere to raise awareness of your brand, often having many girls to wear your clothes in their outfits, is it a successful trade policy?
Having had a blog for a long time we have excellent contacts with national and international bloggers, and they have been all enthusiastic and always available. The public response to bloggers’ posts has always been excellent, and see our leads worn and reinterpreted by other girls is another great way of getting inspiration.

What are your dreams for your future? What do you want to achieve?
Surely we want to see our line growing and expanding, and we want to continue to improve! Over time we would like to open a bigger office/showroom, maybe even another one in London, given the frequency with which we go there. Managing to have  an all pink shampa building would not be bad at all either!

Quando un blog diventa un vero e proprio brand di moda dal gusto internazionale che strizza l’occhio anche alla nostra Italia. Questo è Shampalove, nello specifico queste sono Flor e Ruby, 2 blogger intelligenti, simpatiche, professionali ma sopratutto determinate a far parlare sempre più di loro nel panorama del fashion globale. Un intervista, un viaggio nel mondo delle Shampa tra curiosità, idee e tanta originalità.

Il vostro nome mi ha sempre fatto pensare a qualcosa di patinato, bollicine e sapone rosa. Quale è il vero significato di Shampalove?
Sei molto piu vicino alla verità di quello che pensi! Il nome Shampalove è nato quando abbiamo aperto il blog come un omaggio alla leggerezza dei discorsi da salone da parrucchiere, allo champagne, al gossip, alle cose super girlie, al glitter alle sweet lolitas di Harajuku . Immagina come un estensione della personalità di Paris Hilton, un invito a non prendersi troppo sul serio. Quando abbiamo lanciato la linea e lo shop online abbiamo deciso di non cambiarlo, oramai il nome ci contraddistingue. Può sembrare in contrasto con il look dark delle nostre collezioni ma in realtà fa profondamente parte di noi.

La vostra storia nasce da un blog, che tutt’ora esiste. Come è nata l’idea del blog? e quali argomenti trattate?
Il blog è nato per caso, nel settembre 2008. Un pomeriggio abbiamo deciso di convogliare nel blog tutte le immagini, la musica, le news di cui ci cibavamo quotidianamente e di condividerlo con gli altri. Sempre con un taglio molto ironico e leggero, siamo noi le prime a divertirci. La formula mista di gossip, immagini di moda e di mood sempre un pò matte è inaspettatamente piaciuta e ci ha portato lontano.

In un periodo dove tutti sono fashion blogger, quale è il segreto per essere ritenuti professionali?
Non è una domanda facile. Possiamo parlare per la nostra esperienza. Il blog non è mai stato, come non lo è tuttora la nostra attività lavorativa principale. Inoltre il taglio che ne abbiamo sempre dato lo rende lontanissimo da una vera testata giornalistica, non abbiamo mai avuto pretese di questo genere. Non facciamo recensioni, non pubblichiamo articoli col sapore di news. Sicuramente l’originalità delle nostre ricerche è stata un fattore chiave. Originalità , personalità, il nostro gusto personale un po’ anticonformista.

Dove è nata l’idea di creare una vostra linea di abbigliamento?
L’idea era nell’aria da parecchio, era qualcosa che abbiamo sempre voluto fare, ma i tempi non erano maturi. Quando abbiamo deciso di tentare l’avventura eravamo impegnate in tutt’altro. Ruby stava lavorando come stylist ed assistente stylist a Londra, e Flor come manager di produzione di abbigliamento freelance . Forti delle sue esperienze lavorative in Asia, ci siamo buttate. Abbiamo deciso di farlo e tempo 3 mesi avevamo aperto la società, avviata la produzione, trovato e ristrutturato l’ufficio a Roma e costruito il sito internet per lo shop. A Dicembre 2010 siamo andate online per la prima volta . Sono stati mesi frenetici ma pieni di soddisfazioni. Il tutto è stato realizzato the shampa way, un caos creativo!

Siete voi direttamente a disegnare i capi?
I capi con etichetta Shampalove sono sempre stati interamente ideati da noi. Quando abbiamo aperto lo shop per questioni di tempo avevamo accompagnato i nostri capi anche con alcune linee di pronto moda molto carine, ora invece , a parte la nuova sezione designer appena introdotta, la linea è stata tutta disegnata da noi. Le idee poi vengono lavorate con le modiste della factory, e lì nasce il modello. Alle volte far realizzare quello che si ha in mente non è facile, ma quando c’è intesa il risultato può superare le aspettative.

Quale è il target a cui vi rivolgete con le vostre collezioni?
Il nostro target sono ragazze come noi, con un gusto un po internazionale per l’abbigliamento. Tagli semplici ma originali, materiali leggeri e pelle. Ragazze che vogliono indossare capi non già visti ovunque e che non hanno paura di osare. Spesso ci viene detto che la nostra linea esce con un’immagine molto precisa, un pò dark, un pò grunge ma con un tocco poetico. Questo indubbiamente deriva dalla collaborazione fissa con la nostra fotografa Martina Scorcucchi che cura tutte le foto dei nostri lookbook da tre stagioni che ha contribuito molto al mood delle nostre collezioni.

In quali negozi viene venduta ? E come siete riuscite ad arrivare ad alcuni grandi negozi stranieri?
La linea Shampalove è venduta in esclusiva a Roma a Casa Clementina, un nuovo concept bar/libreria negozio delizioso a Rione Monti, ovviamente sul nostro sito Online e da settembre abbiamo un piccolo corner dentro Topshop Oxford Circus, al piano -2 dove ci sono gli stand dei brand indipendenti. La collaborazione con Topshop è stata un fulmine a ciel sereno: prima dell’estate abbiamo ricevuto un’email dal buying team di Topshop per sapere se eravamo interessate ad avere una concessione nei loro spazi, immaginate la nostra reazione! E’ stata una soddisfazione grandissima. Vedere il proprio lavoro apprezzato e richiesto da un gigante high street come Topshop era qualcosa che non ci saremmo mai aspettate dopo appena due stagioni.

Quale sono i prossimi progetti futuri delle Shampalove?
Abbiamo lavorato duramente per creare una nuova collezione Primavera Estate 2012 che fosse all’altezza delle aspettative che abbiamo creato e speriamo di non deludere nessuno. La collaborazione con Topshop continua e la nuova collezione sarà disponibile in negozio già da fine Gennaio. Vogliamo anche incrementare l’organizzazione di eventi a Roma e vogliamo aumentare il numero dei nostri Dj set perchè è sempre uno spasso! Ci divertiamo tantissimo e paiono divertirsi molto anche le persone che vengono a trovarci alle nostre serate. Per la nuova stagione inoltre stiamo lavorando per uscire con un restyling grafico completo per lo shop online ed il blog!

Essendo delle blogger avete scelto la blogosfera per far conoscere il vostro marchio, spesso molte ragazze indossano i vostri capi nei loro outfit, è una politica commerciale vincente?
Avendo il blog da molto tempo abbiamo ottimi contatti con blogger nazionali ed internazionali, e sono state tutte sempre entusiaste e disponibili nei nostri confronti. Anche il riscontro del pubblico ai post delle blogger è sempre stato ottimo, e vedere i nostri capi indossati e reintrepretati da altre ragazze è anche un bel modo per ispirarsi.

Cosa sognate per il vostro futuro? Dove vorreste arrivare?
Ecchilosà! Sicuramente vogliamo vedere la nostra linea crescere ed espandersi, e vogliamo continuare a migliorarci! Col tempo vorremmo aprire un ufficio/showroom più grande, magari anche un’altro a Londra, vista la frequenza con cui ci troviamo in quella città. Arrivare ad avere il palazzetto Shampa tutto rosa non sarebbe affatto male!


Photos by Maddalena Petrosino and Martina Scorcucchi
More info: www.shampalove.com

Written by Fabrizio Galati on 12.12.11
SHARE THIS ON